Francesco Grasso

Sono nato il 5 marzo 1971. Mi piace viaggiare e sono mediamente sportivo: ho praticato judo, capoeira e pallavolo. Sono un buon tennista dilettante e un discreto calciatore. Tutte le mattine tiro a canestro per circa quindici minuti. Leggo almeno due libri al mese e coltivo un orto nel retro del giardino di casa mia. Colleziono francobolli e sono un amante dell'indie rock. Ho sviluppato il mio primo software su un Vic 20 all'età di 12 anni.

Ho conseguito il diploma di Perito industriale capotecnico con specializzazione Informatica nell'estate del 1989. Mi sono quindi iscritto all'Università degli studi di Catania e ho inoltre frequentato un corso annuale di Progettista software - Specialista in Ingegneria del software.

Nel febbraio del 1992 ho iniziato a lavorare alla Tecnova srl dove mi occupavo dello sviluppo di Infosite, un progetto di ricerca nato per facilitare la gestione di basi dati documentali e multimediali su base geografica, consentendone la fruizione tramite ipertesti su reti TCP/IP. Il progetto aveva suscitato sin da subito l'interesse del CNR di Palermo e di quello di Bari con il quale erano state avviate delle collaborazioni interrotte nel marzo del 1993, quando le voci circa l'imminente rilascio della versione 1.0 di Mosaic, spinsero l'azienda a chiudere il progetto (stessa sorte toccata subito dopo ai molti gruppi di lavoro che all'inizio degli anni novanta lavoravano sugli ipertesti e la formalizzazione di un linguaggio di markup per la loro costruzione).

Nel marzo del 1993 sono passato quindi in Seasoft spa, la software house che si occupava dello sviluppo dei software distribuiti su tutto il territorio nazionale dal Gruppo Buffetti.

Fino al febbraio 1999 ho lavorato sia in Seasoft sia in Tecnova, passando diverse volte dall'una all'altra società. Nella prima ho ricoperto l'incarico di project leader per lo sviluppo di diversi prodotti, ho coordinato il gruppo di lavoro che ha realizzato 3Points (il primo software di dichiarazione dei redditi in ambiente Windows della Buffetti) e sono stato uno dei responsabili del progetto Diamante che, in seguito, ha dato vita all'omonima spa da poco acquisita per intero dal Gruppo Il Sole 24 Ore (entrata nell'azionariato già nel 2007).

In Tecnova ho fatto parte del gruppo di lavoro che ha realizzato la prima versione del sito della Banca Nazionale del Lavoro, con cipi.it (gruppo Seat Pagine Gialle) ho lavorato ad uno dei primi siti di e-commerce italiano (premiato con un’automobile come miglior sito dell’anno dalla IBM/Lotus), con tecnicadellascuola.it mi sono misurato per la prima volta con un sito di news progettando e realizzando un sistema informativo per la gestione del sito di questa che è la rivista d’informazione scolastica più diffusa in Italia.

Dal marzo 1999 al gennaio 2004 essendo uno dei soci fondatori della Impronte Digitali ho partecipato alla progettazione e realizzazione di tutti i siti sviluppati dell'azienda, lavorando su oltre 60 progetti ad alto valore aggiunto (in particolare quelli legati al gruppo editoriale Ciancio proprietario del più diffuso quotidiano regionale e delle emittenti televisive e radiofoniche più seguite in Sicilia).

Nel febbraio 2004 ho lasciato l'azienda e sono diventato responsabile dei servizi informatici della Facoltà di Lingue dell’Università di Catania. Mi sono inoltre occupato di alcuni progetti speciali per conto del Rettorato: il portale degli eventi dell’ateneo etneo, il sito del Bollettino d’Ateneo e quello della radio universitaria.

Dal gennaio 2010 ad oggi mi occupo della progettazione e dello sviluppo del sito ustation.it, media social network finanziato da Telecom Italia nell'ambito del progetto Working Capital. Nel giugno 2010 ho lasciato l'Università di Catania e ho affiancato al lavoro per ustation.it quello di freelance.

Sono uno dei 5 soci fondatori di Officine, cooperativa che ha ottenuto circa un miliardo di lire di finanziamento per la realizzazione di Zo - Centro di culture contemporanee, oggi punto di riferimento culturale a Catania.

Trovi informazioni aggiornate sulla mia attività professionale - o su di me - su Linkedin e Facebook.